Il regolamento condominiale che vieta di tenere gli animali domestici in condominio è nullo!

amministratore-condominio“Ecco alcune delle ultime normative in materia di Condominio e gestione immobiliare, se sei interessato a conoscere altro o ti serve un Amministratore Professionale per il tuo Condominio, contattaci per una consulenza gratuita…”

VI è nullità sopravvenuta per contrarietà a diritti inviolabili che travolge le norme volute dal costruttore oltre che quelle approvate dall’assemblea.

Deve essere posta nel nulla la disposizione del regolamento condominiale di natura contrattuale, e ciò per nullità sopravvenuta conseguente all’introduzione con la legge 220/12 del disposto dell’ultimo comma dell’articolo 1138 c.c., a mente del quale le norme del regolamento non possono vietare di possedere e detenere animali domestici”.

cropped-CS.TESTATA21.png

Questo è il principio di diritto espresso dal Tribunale di Cagliari con l’ordinanza del 22 luglio 2016 in merito alla possibilità di tenere animali domestici in condominio.

 

Scopri alcuni dei servizi che ti offre la Cs Gestione Immobiliare

“Ecco alcuni dei servizi e consulenze che la CS Gestione Immobiliare vi propone, se sei interessato a conoscere altro o ti serve un Amministratore Professionale per il tuo Condominio, contattaci per una consulenza gratuita…” (per numeri e contatti clicca qui)

cropped-CS.TESTATA21.png

1. Redazione Attestato di Prestazione Energetica (A.P.E.)
2. Successioni
3. Accatastamenti, volture e variazioni catastali
4. Idoneità alloggiativa per ricongiungimento familiare
5. Redazioni pratiche di Agibilità
6. Progettazione e redazioni pratiche C.I.L.A./S.C.I.A.
7. Progettazione e redazioni pratiche P.d.C
8. Redazioni Tabelle Millesimali
9. Progettazioni d’interni e di design
10. Ricorsi alla Commissione Tributaria Provinciale
11. Ricorsi alla Commissione Tributaria Regionale
12. Consulenza tecnica di parte (C.T.P.)
13. Rilievi architettonici e fotografici
14. Perizie e Stime immobiliari
15. Redazione Regolamento di condominio
16. Ricostruzione Bilancio condominiale
17. Contabilità ordinaria condominiale
18. Redazione 770
19. Contratti di locazione
20. Consulenza legale condominiale
21. Amministrazione condominiale  

Contattaci e sarai contattato clicca qui…

L’importanza del conto corrente condominiale!

amministratore-condominio“Ecco alcune delle ultime normative in materia di Condominio e gestione immobiliare, se sei interessato a conoscere altro o ti serve un Amministratore Professionale per il tuo Condominio, contattaci per una consulenza gratuita…”

Secondo il comma 7 dell’articolo 1129 (modificato dall’articolo 9 dellle legge n. 220/2012) l’amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell’amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica.

cropped-CS.TESTATA22.png

Novità! Bonus Ristrutturazioni ed EcoBonus…

Ecco alcune delle ultime normative in materia di Condominio e gestione immobiliare, se sei interessato a conoscere altro, contattaci per una consulenza gratuita…

amministratore-condominio“La legge di stabilità 2016, approvata dal Consiglio dei Ministri del 15/10/2015, deve ora affrontare il percorso parlamentare e quindi non è ancora possibile esaminarne il contenuto definitivo, ma è possibile anticipare che nel testo è contenuta la proroga, per tutto il 2016, della maggior aliquota del 50% per la detrazione IRPEF per interventi di recupero e del 65% per la detrazione per interventi finalizzati al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici”.

cropped-CS.TESTATA21.png

I NOSTRI AMMINISTRATORI  POSSONO AIUTARTI A RISOLVERE I TUOI PROBLEMI CONTATTACI PER SAPERE COME OTTENERE IL TUO BONUS RISTRUTTURAZIONI O IL TUO ECOBONUS…

Affitto con riscatto: “Di chi sono le competenze delle spese condominiali?”

Rent or BuyEcco alcune delle ultime normative in materia di Condominio e gestione immobiliare, se sei interessato a conoscere altro, contattaci per una consulenza gratuita…

L’affitto con riscatto, o anche rent to buy è, per natura, una forma ibrida di compravendita che trova terreno fertile nella crisi economica attuale e, non a caso, si sta diffondendo sempre di più dopo la sua introduzione tramite il decreto “Sblocca Italia”. In poche parole questo sistema permette di comprare casa dopo un periodo di affitto convenzionalmente fissato: l’importo del canone di locazione versato viene quindi scalato dalla spesa per l’acquisto immobiliare, al prezzo pattuito al momento della stipula del contratto. Per quanto riguarda la ripartizione delle spese condominiali tra nudo proprietario e inquilino si richiamano, qualora compatibili, le disposizioni degli articoli da 1002 a 1007, nonché degli articoli 1012 e 1013 del codice civile ovvero la disciplina dell’usufrutto.

cropped-CS.TESTATA21.png

I NOSTRI AMMINISTRATORI  POSSONO AIUTARTI A RISOLVERE I TUOI PROBLEMI DI CONTRATTI E QUOTE CONDOMINIALI, CONTATTACI…

amministratore-condominio

Tabelle Millesimali in Condominio, ecco perchè sono fondamentali…

Tab millesimale in condominioEcco alcune delle ultime normative in materia di Condominio e gestione immobiliare, se sei interessato a conoscere altro, contattaci per una consulenza gratuita…

Il valore proporzionale di ciascuna unità immobiliare è espresso in millesimi in apposita tabella allegata al regolamento di condominio. Tali valori possono essere rettificati o modificati, anche nell’interesse di un solo condomino, con la maggioranza prevista dall’articolo 1136, secondo comma, del codice, nei seguenti casi:

I NOSTRI AMMINISTRATORI E ARCHITETTI POSSONO AIUTARTI A RISOLVERE I TUOI PROBLEMI CON LE TABELLE MILLESIMALI, CONTATTACI…

serviziTecnici1

1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;

2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell’edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell’unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.

cropped-CS.TESTATA2.png

Ai soli fini della revisione dei valori proporzionali espressi nella tabella millesimale allegataamministratore-condominio al regolamento di condominio ai sensi dell’articolo 68, può essere convenuto in giudizio unicamente il condominio in persona dell’amministratore. Questi è tenuto a darne senza indugio notizia all’assemblea dei condomini. L’amministratore che non adempie a quest’obbligo può essere revocato ed è tenuto al risarcimento degli eventuali danni.

Efficienza energetica condomini, la nuova sfida in Italia…

amministratore-condominio

 

Ecco alcune delle ultime normative in materia di Condominio e gestione immobiliare, se sei interessato a conoscere altro, contattaci per una consulenza gratuita…

Nel nostro Paese il 70% delle abitazioni sono condomini, e albergano ben 30 milioni di italiani. Per raggiungere una vera e propria efficienza energetica e abbattere i consumi è necessario quindi puntare a questi modelli abitativi.
E’ questa la proposta del progetto BuildHEAT, che vuole tagliare l’80% dei consumi energetici dei condomini aumentando l’efficienza energetica in questi immobili. Il programma, coordinato dall’Istituto per le energie rinnovabili dell’EURAC (l’Accademia europea di Bolzano), punta al milione di condomini che si trovano in Italia, circa il 70% delle abitazioni dei nostri connazionali.
Chi vorrà ridurre la spesa energetica in maniera veloce, ricordiamo, troverà convenienza anche nelle tariffe elettriche del mercato libero, che consentono di tagliare le spese del 10-12% annuo. Con l’aiuto del comparatore di SosTariffe.it identificare le proposte più convenienti è semplice.

UNO DEI NOSTRI FORNITORI LEADER NEL SETTORE, CONTATTACI PER SAPERNE DI PIU’ ED AVERE I SERVIZI DELLA NEG NEWENERGY GROUP…

Schermata 2015-09-17 alle 09.53.39
Per quanto riguarda l’efficienza energetica dei condomini, Wolfram Sparber, direttore di BuildHEAT, spiega: «Dopo aver studiato e realizzato soluzioni pratiche per la riduzione dei consumi di energia tramite ristrutturazione di edifici residenziali, edifici storici e centri commerciali, l’Istituto concentra ora l’attenzione sui condomini, in cui abitano circa 30 milioni di italiani». Il progetto, che avrà una durata di quattro anni, disporrà di sette milioni di euro ricevuti dal programma Horizon 2020 e conterà sulla partecipazione di 18 partner europei.
«I ricercatori studieranno pacchetti di interventi e strumenti immediatamente utilizzabili dagli inquilini– si legge nel comunicato stampa dell’istituto EURAC – Attraverso tecnologie plug&play si possono installare velocemente gli apparecchi necessari, facilitando anche il lavoro dei tecnici». Le tecnologie che verranno prese in studio riguardano i diversi sistemi per il riscaldamento, il raffrescamento e laventilazione meccanica, che sono in grado di raccogliere, accumulare e utilizzare energia solare in ogni abitazione.
Roberto Fedrizzi, ricercatore dell’Istituto per le Energie Rinnovabili dell’EURAC e responsabile del progetto BuildHEAT, ha voluto precisare che «le unità abitative saranno climatizzate da sistemi che accumulano l’energia termica in piccoli serbatoi, installabili dal singolo condomino per esempio sul proprio balcone, e che saranno alimentati anche attraverso collettori solari termici o pannelli fotovoltaici».
Per quel che concerne l’isolamento dell’immobile, i ricercatori si propongono testare un sistema che, oltre a ridurre i consumi, consente di accogliere in maniera semplice i collettori solari termici o i pannelli fotovoltaici.

cropped-CS.TESTATA22.png
Gli specialisti puntano anche a dare soluzione alla necessità di individuare finanziamenti privati per gli interventi di ristrutturazione e risanamento: «Oggi – ha spiegano Fedrizzi – questo tipo di interventi utilizza spesso fondi pubblici o i capitali dei diretti interessati, in genere sempre più ridotti. Noi andremo a capire come stimolare l’investimento di fondi privati interessati al finanziamento di interventi legati all’efficienza energetica e alle energie rinnovabili». Gli interventi e le diverse strategie di finanziamento verranno studiate a Roma, Saragozza e Manchester.

Cosa è il Supercondominio?

supercondominioI connotati caratterizzanti il supercondominio: complesso edilizio distinto in diversi corpi di fabbrica, più o meno dotati di autonomia strutturale, ma caratterizzati dalla presenza di una serie di opere e servizi comuni a tutto il complesso edilizio (impianti di riscaldamento, di condizionamento, parcheggi coperti e scoperti, locali di interesse comune, strade di accesso).

Si ha anche il caso di un unico caseggiato diviso verticalmente in più scale (o complessi) che godono di una certa autonomia, pur in presenza di parti comuni quali il lastrico solare, le grondaie, le condutture, l’ingresso (caso emblematico: la costruzione del Corviale a Roma, che si sviluppa senza soluzione di continuità per circa un chilometro).

L’espressione supercondominio sta ad indicare una pluralità di distinti condominii rispetto ai quali residuano beni e servizi comuni. cropped-LOGO-CS-IMMOBILIARE_sito.jpg

La costituzione del supercondominio viene di solito prevista nel regolamento predisposto dall’originario costruttore del complesso edilizio e richiamato nei singoli atti di compravendita stipulati con tutti gli acquirenti futuri condomini.

Può provvedervi anche l’assemblea con apposita delibera assunta almeno con la metà del valore millesimale dell’intero complesso e la maggioranza dei presenti, purché non si vada a imporre ai condomini particolari vincoli limitativi dei loro diritti sulle proprietà individuali o sull’uso delle parti comuni.

È lasciato alla volontà delle parti decidere se, in presenza di più edifici costituenti un unico complesso, dare luogo alla formazione di un unico condominio oppure costituire autonomi condominii per ogni singolo edificio a cui affiancare un supercondominio per la gestione delle proprietà e dei servizi comuni.

È la stessa legge, infatti, ai sensi degli artt. 61 e 62 disp. att. c.c., a consentire che i beni comuni restino soggetti alla disciplina del condominio pur riferendosi a edifici strutturalmente autonomi costituenti distinti condominii. Le più recenti pronunce della Corte di Cassazione hanno affermato che al supercondominio va applicata la disciplina del condominio negli edifici (Cass. Civ. n. 3102/93; Cass. Civ. n. 9355/00; Cass. Civ. n. 8066/05).

I principi posti con riguardo al regolamento condominiale trovano, in linea generale, applicazione anche per quanto riguarda il supercondominio. La predisposizione di un regolamento supercondominiale, seppur non indispensabile, è quasi sempre effettuata nella prassi ed è di fatto opportuna per evitare o diminuire l’insorgere di contrasti tra i condomini in merito all’utilizzazione dei beni o al riparto delle spese.

Si costituisce il regolamento del supercondominio quando l’originario costruttore abbia predisposto, oltre al regolamento condominiale dei singoli edifici, anche il regolamento relativo al supercondominio o quando il supercondominio si costituisce a seguito dello scioglimento di un originario ed unico condominio. In questo ultimo caso, i condomini, deliberando lo scioglimento e la costituzione del supercondominio, provvedono a modificare l’originario regolamento o a predisporne ex novo uno apposito per la nuova organizzazione supercondominiale.

Se desideri sapere altro sul Supercondominio o desideri una consulenza condominiale al tuo domicilio non esitare a contattarci, ti ricontatteremo subito per un appuntamento…